«AUTONOMIA VENETA ENTRO NATALE? NON CI SI DIMENTICHI DI BELLUNO»

3 Dic 2018 By

«Bene la promessa del vicepremier Di Maio sull’autonomia veneta entro Natale, ma in tutti questi discorsi viene sempre dimenticata la Provincia di Belluno. Il risultato regionale è merito anche dei bellunesi, che devono vedersi riconosciute le loro volontà»: così il movimento Belluno Autonoma Regione Dolomiti commenta le parole del Ministro del Lavoro questi giorni in Veneto.
«Sappiamo dalla stampa nazionale della “differenza di vedute” tra i due soci di governo sul tema dell’autonomia, – continuano dal Bard – così come sappiamo anche dalla stampa locale del forte e pregevole lavoro fatto da tutti i parlamentari bellunesi con la Ministra degli Affari Regionali e delle Autonomie, Erika Stefani. Se l’autonomia del Veneto ha questo percorso tutt’altro che facile, cosa potrà essere quello della Provincia di Belluno, che elettoralmente non conta nulla?».
La richiesta del movimento è chiara: «Vogliamo capire se i vicepremier Salvini e Di Maio sono a conoscenza del risultato e delle richieste del referendum provinciale autonomista bellunese e, se non lo sono, per quale motivo ne siano ancora all’oscuro e chiediamo ai parlamentari bellunesi di farsi portavoce delle richieste autonomiste del territorio. I due ministri potrebbero essere coinvolti in uno dei prossimi incontri tra i nostri parlamentari e la Ministra Stefani, così da mettere sul tavolo tutte le richieste referendarie: questo è un appello che facciamo a tutti i parlamentari bellunesi, dal promotore degli incontri Luca De Carlo a chi sta in maggioranza come Federico D’Incà, Paolo Saviane e Mirco Badole, fino a chi pur in opposizione lavora per il territorio come Dario Bond e Roger De Menech. Ai parlamentari della Lega chiediamo infine uno sforzo in più: nei giorni scorsi, il Ministro Salvini ha sottolineato l’importanza delle Province come enti del territorio. Si concretizzi dunque la restituzione di risorse, competenze e dignità a queste istituzioni, assicurando democrazia agli enti locali con il ripristino dell’elettività, come chiesto da una proposta di legge presentata al Senato lo scorso agosto dalla Lega e che vede tra i firmatari lo stesso Salvini».

Leggi di più...

BARD “IN MISSIONE” A BOLZANO: SUL TAVOLO, IL POST-ALLUVIONE E LA NUOVA PAC

20 Nov 2018 By

Missione altoatesina lunedì mattina per il movimento Belluno Autonoma Regione Dolomiti: alcuni membri del consiglio direttivo e diversi rappresentanti del mondo imprenditoriale bellunese si sono recati a Bolzano per confrontarsi con politici e tecnici sul post-alluvione e sulla nuova Politica Agricola Comune.
Il primo appuntamento è stato con l’europarlamentare Herbert Dorfmann: «Lo abbiamo ringraziato per l’intervento della scorsa settimana alla plenaria di Strasburgo con la richiesta di attivazione del Fondo di solidarietà europeo, – spiegano dal Bard – e abbiamo cercato di capire, oltre a questo, quali aiuti potrebbero arrivare dall’Europa e dalle province autonome. C’è stato molto interesse poi, da parte dei rappresentanti del mondo agricolo, sullo sviluppo della nuova PAC 2021-2027: la richiesta da parte di tutti è stata quella di prevedere una maggior attenzione all’agricoltura di montagna e, soprattutto, alla questione del prezzo del latte».
Dopo Dorfmann, è toccato a Josef Schmiedhofer, Direttore dell’Agenzia del Demanio della Provincia autonomia di Bolzano: «Con lui abbiamo affrontato la questione della gestione del post-alluvione, soprattutto il tema degli schianti degli alberi», continuano dal movimento.
Dopo una panoramica sull’attività svolta dalla Provincia di Bolzano, sul mercato del legname e sui provvedimenti tecnici adottati dagli altoatesini, si è passati alle questioni pratiche: «Nel solo Alto Adige, si sono verificati schianti pari a due anni di produzione del legname; un dato impressionante, ma addirittura minore a quanto registrato nel Bellunese. – sottolineano dal Bard – Schmiedhofer ha sottolineato l’importanza di una corretta logistica nella gestione del legname: bisogna raggiungere i luoghi degli schianti, raccogliere il materiale e trovare depositi adatti. Tutti aspetti da valutare con attenzione e con efficienza, viste le possibili infestazioni del “bostrico tipografo”, un parassita del legno che potrebbe rovinare il materiale a terra e infettare anche gli alberi sopravvissuti al disastro».
Infine, un ultimo sguardo al mercato: «Il mercato tra le Dolomiti e l’Austria è sovraccarico, per questo il prezzo del legname è crollato. – concludono dal Bard – Una corretta raccolta e conservazione del legno permetterebbe di mantenerlo in condizioni “vendibili” e consentirebbe di poter guardare a Paesi più lontani, come l’Est Europa o la Cina, con prezzi adeguati».
Da questi incontri è nato l’impegno di far nascere, nell’arco di brevissimo tempo, un tavolo di coordinamento proprio sulla gestione del legno degli schianti.

Leggi di più...

FUOCHI PER L’AUTONOMIA, 49 POSTAZIONI. LUNEDI’ IN PROVINCIA A SOSTENERE I SINDACI

19 Ott 2018 By

Saranno 49 i “fuochi per l’autonomia” che saranno accesi nella sera di domani, sabato 20 ottobre, sui monti e nelle piazze bellunesi. Torna per la settima edizione la manifestazione, organizzata dal movimento Belluno Autonoma Regione Dolomiti, nata in occasione della grande mobilitazione in difesa della Provincia del 2012.
Viene quindi praticamente eguagliato il risultato dello scorso anno, a cui si aggiungeranno i tanti fuochi “non ufficiali” che i bellunesi, tra le Dolomiti e in ogni parte del mondo, accenderanno: «Anche quest’anno, infatti, – sottolineano dal movimento – abbiamo già ricevuto adesioni dei nostri conterranei anche dall’estero. Chiunque può partecipare, basta accendere anche una semplice candela fuori dalla finestra di casa». Non mancheranno poi i “tradizionali” fuochi accesi dagli aderenti al movimento e da semplici cittadini, dal Piave al Monte Garda, da Zorzoi di Sovramonte a Falcade, dall’Alpago al Comelico: «Confidiamo che anche i sindaci partecipino a questa iniziativa. Nei giorni scorsi, abbiamo inviato loro una lettera per spiegare le nostre motivazioni e per chiedere di accendere una fiammella davanti ai loro municipi; speriamo di poter contare su di loro», aggiungono dal BARD.
Quella di quest’anno sarà un’edizione dedicata a ricordare il primo anniversario del referendum provinciale per l’autonomia e a sensibilizzare il mondo civile e politico sulla questione.
Proprio per questo, il movimento sarà presente anche lunedì pomeriggio fuori da Palazzo Piloni, in occasione dell’assemblea dei sindaci che ha come tema proprio lo stato dell’arte sul referendum autonomistico provinciale: «Saremo lì per sostenere i nostri sindaci e per ricordare loro la volontà dei bellunesi. – spiegano dal BARD – Ad ognuno di loro, offriremo la coccarda blu, con il simbolo della nostra provincia, che abbiamo realizzato proprio lo scorso anno, in occasione della consultazione provinciale».
«Crediamo – concludono dal movimento – che iniziative pacifiche e di sostegno come queste possano smuovere le acque nella trattativa tra Stato, Regione e Provincia di Belluno sul tema autonomia; ad oggi, molto si è detto e scritto sulla futura autonomia regionale, ma il discorso provinciale è rimasto molto indietro. È necessario che tanto a Roma quanto a Venezia l’autonomia bellunese entri nell’agenda politica».

Leggi di più...

TRE BELLUNESI NEL CONSIGLIO AUTONOMIE LOCALI: «CONGRATULAZIONI, ORA AL LAVORO PER L’AUTONOMIA»

18 Ott 2018 By

Domenico Belfi, Mario De Bon, Roberto Padrin: questi, in rigoroso ordine alfabetico, i rappresentanti bellunesi entrati pochi giorni fa nel Consiglio delle Autonomie Locali.
«Congratulazioni a loro e in bocca al lupo per l’importante ruolo che occuperanno per la nostra provincia. – commentano dal movimento Belluno Autonoma Regione Dolomiti – In quella sede, dove viene data voce agli enti locali nel loro rapporto con la Regione, si dovranno battere per portare avanti provvedimenti che riconoscano e concretizzino l’autonomia della Provincia di Belluno».
«Qualcosa si è mosso a Roma per l’autonomia del Veneto, e vedremo se e come sarà rispettata la data del 22 ottobre per il passaggio dell’intesa in Consiglio dei Ministri e entro l’anno in Parlamento. – continuano dal BARD – Ma, e lo dimostrano gli Stati generali della montagna convocati ieri a Roma, per il Bellunese è stato fatto poco o nulla, sia a livello nazionale che regionale».
«Confidiamo che la Provincia sieda al più presto al tavolo delle trattative nazionali, e che i nostri rappresentanti al CAL difendano le istanze dei bellunesi, rimarcate dal successo del referendum provinciale del 22 ottobre scorso. – concludono dal movimento – Invitiamo poi tutti loro, così come abbiamo già fatto in via formale con tutti i sindaci della provincia, ad aderire ai “fuochi dell’autonomia” in programma sabato sera. Serve il sostegno di tutti per mantenere viva la fiamma dell’autonomia bellunese».

Leggi di più...

«INCENTIVI E BASTA TAGLI, COSI’ SI SALVA LA SANITA’»

18 Set 2018 By

Anche il movimento Belluno Autonoma Regione Dolomiti entra nel dibattito sullo scenario sanitario bellunese: «Servono incentivi e contratti integrativi per convincere i professionisti a venire in montagna a lavorare, sul modello di Bolzano, ma questo non è sufficiente, come dimostra la stessa provincia altoatesina. I tagli dei trasferimenti statali agli enti locali hanno comportato difficoltà nella gestione e pianificazione dei servizi, e così non si può andare avanti».
Per i vertici del movimento, «un medico viene a lavorare in montagna certo attratto da uno stipendio adeguato e incentivante, ma servono anche strutture all’altezza, macchinari moderni, prospettive. Senza soldi, nulla di questo si può fare: serve un’autonomia che consenta alle realtà locali di pianificare e investire anche in sanità. A forza di stringere la cinghia per volere di Roma, stiamo facendo le nozze con i fichi secchi. La soluzione non è quella di chiudere gli ospedali, come propone qualcuno, ma al contrario di investire e renderli “attrattivi” per i professionisti».
Diversi quindi gli aspetti su cui intervenire: «Serve innanzitutto il ripristino dei trasferimenti statali agli enti locali almeno ai livelli pre-crisi; con l’autonomia dei territorio, servirà un piano di interventi, investimenti ed incentivi. Bisognerà ragionare anche con il mondo universitario sulle specializzazioni e sui corsi a numero chiuso. – concludono dal Bard – Dalla Regione servirà poi un piano socio-sanitario che riconosca le difficoltà e le problematiche della gestione sanitaria in montagna, assicurando adeguate coperture finanziarie».

Leggi di più...