12 Ott 2016

Una giornata in Val Venosta per capire come rilanciare e sfruttare la mobilità ferroviaria del Bellunese: la organizza il movimento Belluno Autonoma Regione Dolomiti per domenica 16 ottobre.
“Tutto nasce da un incontro con Walter Weiss, – spiegano dal direttivo – già sindaco di Naturno e tra i promotori della riapertura della ferrovia della Val Venosta. Con lui ci siamo confrontati sul futuro del treno nel Bellunese e tra le Dolomiti, e così è nata l’idea di questa visita sul campo”.
La Merano-Malles misura 60 km e ogni anno trasporta oltre due milioni di persone: un ottimo strumento per un turismo sostenibile. La visita prevede un passaggio alla centrale di comando e poi il viaggio andata e ritorno su tutta la tratta, con partenza e arrivo a Merano.
“Vedere da vicino come funziona questa ferrovia, capire quali soluzioni sono state adottate per risolvere i problemi legati all’ambiente e all’orografia sarà sicuramente utile per studiare al meglio il tracciato del Treno delle Dolomiti. – continuano dal Bard – Per questo, abbiamo invitato tutti i sindaci della provincia ad unirsi a noi in questo viaggio: sarà l’occasione per confrontarsi tutti insieme su quale tracciato, quale direzione, quale futuro vogliamo dare a questo treno”.
Già arrivate alcune conferme dai primi cittadini: l’invito è chiaramente esteso anche a tutte le associazioni di categoria e ai portatori di interesse, ma anche a tutti quei cittadini che vogliano toccare con mano questa realtà.
Per partecipare al viaggio è necessaria la prenotazione via mail all’indirizzo info@bellunoautonoma.regionedolomiti.it o al 328/3398725 (Marinella). Il costo è di 70 euro a persona e comprende il trasporto in corriera (passaggio per Tai di Cadore – Belluno – Feltre – Merano), il biglietto del treno a/r Merano-Malles e il pranzo.

Manifesto Visita Val Venosta