L’obiettivo del BARD è il perseguimento dell’autonomia, intesa come strumento di assunzione diretta delle responsabilità nell’auto governo locale dei Bellunesi. Essa si manifesta con l’assunzione d’iniziative politiche idonee a coltivare, rinforzare e raggiungere migliori capacità amministrative dei beni comuni bellunesi.

Ultime news

TRE BELLUNESI NEL CONSIGLIO AUTONOMIE LOCALI: «CONGRATULAZIONI, ORA AL LAVORO PER L’AUTONOMIA»

Domenico Belfi, Mario De Bon, Roberto Padrin: questi, in rigoroso ordine alfabetico, i rappresentanti bellunesi entrati pochi giorni fa nel Consiglio delle Autonomie Locali. «Congratulazioni a loro e in bocca al lupo per l’importante ruolo che occuperanno per la nostra

«INCENTIVI E BASTA TAGLI, COSI’ SI SALVA LA SANITA’»

Anche il movimento Belluno Autonoma Regione Dolomiti entra nel dibattito sullo scenario sanitario bellunese: «Servono incentivi e contratti integrativi per convincere i professionisti a venire in montagna a lavorare, sul modello di Bolzano, ma questo non è sufficiente, come dimostra

«AVANTI CON L’AUTONOMIA. NIENTE FRENATE O RETROMARCE»

«Nella battaglia per l’autonomia del Veneto, che deve portare necessariamente benefici e risultati alla Provincia di Belluno, noi stiamo con il Presidente Zaia. Non è più il tempo delle frenate o delle retromarce, né da parte del Governo né di

LEGGE PER IL “RIPRISTINO” DELLE PROVINCE: «SUBITO ELETTIVITA’ E AUTONOMIA»

«La proposta di legge presentata al Senato dalla Lega per il ritorno all’elettività delle province è un segnale importante; finalmente si è capito che quanto stiamo denunciando da anni, dai tempi del commissariamento della Provincia di Belluno prima e della

CONFINI DELLA MARMOLADA: «TAGLIATI FUORI. CON L’AUTONOMIA NON SAREBBE SUCCESSO»

Sulla vicenda della ridefinizione dei confini tra Trento e Belluno sulla Marmolada, interviene anche il movimento Belluno Autonoma Regione Dolomiti: «Questa è stata una partita giocata tra due parti, ma al tavolo mancava il protagonista principale, la Provincia di Belluno.