L’obiettivo del BARD è il perseguimento dell’autonomia, intesa come strumento di assunzione diretta delle responsabilità nell’auto governo locale dei Bellunesi. Essa si manifesta con l’assunzione d’iniziative politiche idonee a coltivare, rinforzare e raggiungere migliori capacità amministrative dei beni comuni bellunesi.

Ultime news

«AUTONOMIA VENETA ENTRO NATALE? NON CI SI DIMENTICHI DI BELLUNO»

«Bene la promessa del vicepremier Di Maio sull’autonomia veneta entro Natale, ma in tutti questi discorsi viene sempre dimenticata la Provincia di Belluno. Il risultato regionale è merito anche dei bellunesi, che devono vedersi riconosciute le loro volontà»: così il

BARD “IN MISSIONE” A BOLZANO: SUL TAVOLO, IL POST-ALLUVIONE E LA NUOVA PAC

Missione altoatesina lunedì mattina per il movimento Belluno Autonoma Regione Dolomiti: alcuni membri del consiglio direttivo e diversi rappresentanti del mondo imprenditoriale bellunese si sono recati a Bolzano per confrontarsi con politici e tecnici sul post-alluvione e sulla nuova Politica

FUOCHI PER L’AUTONOMIA, 49 POSTAZIONI. LUNEDI’ IN PROVINCIA A SOSTENERE I SINDACI

Saranno 49 i “fuochi per l’autonomia” che saranno accesi nella sera di domani, sabato 20 ottobre, sui monti e nelle piazze bellunesi. Torna per la settima edizione la manifestazione, organizzata dal movimento Belluno Autonoma Regione Dolomiti, nata in occasione della

TRE BELLUNESI NEL CONSIGLIO AUTONOMIE LOCALI: «CONGRATULAZIONI, ORA AL LAVORO PER L’AUTONOMIA»

Domenico Belfi, Mario De Bon, Roberto Padrin: questi, in rigoroso ordine alfabetico, i rappresentanti bellunesi entrati pochi giorni fa nel Consiglio delle Autonomie Locali. «Congratulazioni a loro e in bocca al lupo per l’importante ruolo che occuperanno per la nostra

«INCENTIVI E BASTA TAGLI, COSI’ SI SALVA LA SANITA’»

Anche il movimento Belluno Autonoma Regione Dolomiti entra nel dibattito sullo scenario sanitario bellunese: «Servono incentivi e contratti integrativi per convincere i professionisti a venire in montagna a lavorare, sul modello di Bolzano, ma questo non è sufficiente, come dimostra